Pollicinor

Mondo Marcio in versione rapitore pazzo

Sonja Sharp racconta le enormi montagne di panni usati che invadono gli Stati Uniti

"Annunciati qui" è la brillante traduzione di “Advertise with us”

"Annunciati qui" è la brillante traduzione di “Advertise with us”

In questi sette anni il numero dei disoccupati nell’Europa ha superato quota 25 milioni. Sono oltre 18 milioni nell’Eurozona e oltre 3 milioni in Italia. Se poi si considera l’area Ocse (34 Paesi) il numero di disoccupati è salito a luglio a 44,7 milioni, 10,1 milioni di persone in più rispetto a luglio 2008. Insomma, numeri da capogiro. Numeri più forti dei buoni propositi costituzionali (l’articolo 1 della Costituzione italiana recita «l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro») e dei trattati europei (creare un forte mercato interno in modo tale da permettere ai Paesi di assorbire meglio crisi esogene). Il quadro si appesantisce se si disaggrega il dato medio (11,7% nell’Eurozona, 12,6% in Italia) per la componente giovanile che ha raggiunto picchi ormai non più secondi al dopoguerra in Grecia (57,7%), Spagna (54%) e nella stessa Italia (43%).